AREA DIGITALE

 

 

Fotografia digitale: 

la rivoluzione copernicana

 

foto dal web

Le prime fotocamere digitali anni fa assomigliavano più a dei robot dotati di televisore che a vere macchine fotografiche. Erano scatole metalliche sgraziate, ingombranti e dai risultati veramente pessimi. Ma l'evoluzione dell'elettronica è avvenuta a passi giganteschi ed in tempi brevissimi, tant'è che oggi ad una macchina fotografica che al posto della pellicola ha sensori e microchip, si può chiedere moltissimo, sicuramente più di quanto la fotografia tradizionale su pellicola era in grado di dare.

Sulla fortissima spinta commerciale impressa dalle case costruttrici la qualità delle 'elettroniche' è diventata molto elevata e nel contempo è aumentata l'attenzione del pubblico, anche quello degli intenditori. Uno dei regali di Natale più acquistati è ormai da diversi anni proprio la macchina fotografica digitale, che ha conquistato il mercato in pochissimo tempo relegando in soffitta macchine a pellicola eccezionali come ad esempio la Nikon F6, una professionale modernissima ma nata già vecchia perchè a pellicola e proprio nel momento più infelice, quello in cui le digitali vincevano la loro battaglia.

La scelta dei costruttori vecchi e nuovi che si sono buttati a capofitto sul mercato del digitale, di diversificare la produzione si è rivelata poi vincente:
fascia medio-bassa con macchine fotografiche semplici da usare e di basso costo destinate a chi fa solo qualche foto ogni tanto, 
macchine consumer medie, con caratteristiche adatte ad un pubblico di fotoamatori evoluti (sono in genere quelle che ancora oggi somigliano di più alle fotocamere tradizionali a pellicola) 
e macchine superprofessionali, per lavori giornalistici e specialistici di altissima qualità con costi spesso elevati. 

E tuttavia con l'aumentare della qualità tecnica le differenze si sono assottigliate, tanto che oggi è difficile trovare macchine digitali pessime, almeno tra le grandi marche.
Intanto per chi, come noi, è nato... con la reflex in mano, a pellicola naturalmente e tutta manuale, l'avvento delle fotografia digitale è stato, inutile negarlo, uno schoc, una vera e propria rivoluzione copernicana che ha cambiato in modo irreversibile come intendere e come fare fotografia.

Perchè la fotografia digitale, che ci piaccia o no, abbia scalzato, ormai per sempre, la fotografia tradizionale ai sali d'argento, è semplice da capire: la sua grande dote è stata ed è quella dell'immediatezza e della praticità.
Basta scattare la foto e la si può rivedere subito, sia sul piccolo schermo della stessa macchina fotografica, che sul computer. La si può correggere ed elaborarla, memorizzarla su supporti magnetici o ottici, inviarla a chi si vuole tramite internet, stamparla più o meno rapidamente con la propria stampante - e in questo settore i progressi qualitativi sono stati notevoli - oppure farla stampare da un laboratorio, con risultati che oggi sono sicuramente di qualità. Insomma ne abbiamo visto delle belle e ciò che fino a poco tempo fa era solo fantascienza, è diventata oggi realtà. E probabilmente non è ancora finita, perchè la tecnica progredisce giorno per giorno e non solo le nuove macchine fotografiche sono sempre più evolute, ma tablet e telefonini hanno aperto un nuovo capitolo, quello della fotografia universale e di massa.

Quel che conta sono i pixel (ma non solo)

 

 

 

 

 

© Copyright Fotochepassione. All rights reserved. Riproduzione riservata.
La proprietà di marchi, testi, video ed illustrazioni è dei rispettivi proprietari